Menu

Rwanda

Rwanda

L'attuale situazione in Rwanda, dopo i massacri e la tragedia della guerra, ha come nuovi scenari di violenza due categorie di deboli: i rifugiati ed i bambini non accompagnati. Attualmente sono rifugiati oltre le frontiere circa due milioni di uomini, senza alcuna sicurezza, se si esclude la sola tutela dell'Alto Commissariato dell'O.N.U., ma è solo uno status giuridico che può fare poco rispetto agli odi scatenati dalla guerra civile. La stima delle cifre inoltre contempla rifugiati che non hanno lasciato il paese, ma che vivono nei tendoni perchè o non hanno casa oppure aspettano di tornare nella loro proprietà.

La ricostruzione del paese e la riconciliazione dei Rwandesi include quindi una sollecitudine nei confronti di queste persone esposte a tutte le calamità: la fame, le malattie, le piogge, etc.

I bambini non accompagnati

L'altro indicatore per intervenire nel Rwanda del dopo guerra civile riguarda l'anello più debole della società, i bambini non accompagnati. Sono fra i cento e i duecentomila i bambini che hanno perso i genitori o l'intero gruppo familiare e che sono stati accolti in orfanotrofi o campi speciali. L'emergenza non riguarda soltanto la condizione materiale, ma anche il loro stato psicologico ed affettivo a rischio dopo lo choc della guerra. Solo nella diocesi di Cyangugui bambini non accompagnati sono quasi trecento, di età compresa tra i nove mesi e i diciassette anni; attualmente ricoverati presso scuole o parrocchie ed assistiti da organismi internazionali. Il loro numero aumenta giorno per giorno, con l'accoglienza di bambini dispersi ancora sulle colline, sbandati dalla guerra o nascosti dai vicini durante i massacri. Per andare al di là delle emergenze occore quindi attivarsi, sostendo l'iniziativa dell'adozione a distanza dei bambini, che non rimanga solo un gesto di versare fondi, ma che ci faccia andare ak di là delle nostre sicurezze, per conoscere l'altro la sua storia, la sua diversità, le sue ricchezze.

 

CAMPAGNA PER L’ADOZIONE DEI BAMBINI DEL RWANDA

Con la somma mensile di 26 euro si può adottare un bambino rwandese assicurandogli un futuro tranquillo

Si può versare l’offerta sul conto corrente postale n. 13396890 intestato a Mo.C.I.

Via Pio XI, Traversa Putortì, 18 - 89133 Reggio Calabria (RC) Italia - Telefono: (+39) 0965 621974
Chi è disponibile all’adozione compili la scheda e la invii a: Via Pio XI, Traversa Putortì, 18 - 89133 Reggio Calabria (RC) Italia

Clicca quì per scaricare il modulo in formato Word

Clicca quì per scaricare il modulo in formato PDF

 

L'ADOZIONE A DISTANZA

Esposta nella vetrina della mia libreria
fa bella mostra di se’ la fotografia
di un simpatico bambino di colore
che si chiama Sixte Gasore.
La mia famiglia é legata a questa fotografia
che guarda sempre con tanta simpatia,
perché le ricorda una persona cara
che sta vivendo una storia amara.
Gasore é un bambino del Rwanda
e la fotografia che egli manda
é un segno di ringraziamento
perché riceve un piccolo sostentamento.
Mia moglie partecipa al progetto dell’adozione
che ha prodotto tanto bene alle persone
soprattutto a quelle in maggiore difficoltà
che ricevono un piccolo attestato di bontà.
E’ positiva l’adozione a distanza:
é vero che il bambino non vive nell’abbondanza,
ma sicuramente riceve il necessario
per poter, come si suol dire, sbarcare il lunario.
Un altro effetto molto positivo
é che il bambino rimane nel luogo nativo
e non viene portato via
evitando così un’altra sorte ria.
Con tale contributo di bontà
si salva pure l’identità
di un bambino che rimane nel suo ambiente
attorniato da tutta la sua gente.
Egli crescerà così molto sereno
e non si sentirà per nulla un alieno,
vivrà circondato dai suoi concittadini
che gli sono per cultura affini.
E’ lodevole questa singolare iniziativa
che permette alla gente una carità fattiva,
e una lode speciale va alla persona esperta
nella figura dell’ideatore prof. Santo Caserta.


di Fortunato Mangio

 

 

 

Share/Save/Bookmark back to top

 

Sede Legale: Via PIO XI TRAVERSA PUTORTI’, 18 - 89133 REGGIO CALABRIA (RC) ITALIA
Sede Operativa di Cosenza: VIA POPILIA, 39 - 87100  COSENZA (CS) ITALIA
Codice Fiscale del Mo.C.I.: 92004220809 - Copyright 2015 - Tutti i diritti riservati

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione